Yoga per l’estate

yoga per l'estate

La settimana scorsa, nella prima parte di questo articolo, abbiamo parlato di come mantenere freschi e in equilibrio corpo e mente attraverso lo yoga sia di grande aiuto nel contrastare gli effetti spesso negativi delle temperature troppo elevate tipiche dell’estate.

Ora che hai messo in pratica i primi 5 consigli, scopri quali sono gli altri 5 accorgimenti e posizioni per la tua pratica yoga in estate.

6. Dove e per quanto tempo praticare lo decidi tu

Che sia al mare o in montagna, in città o in campagna, scegli un luogo fresco, pulito e possibilmente all’ombra, in cui ti senti tuo agio e dove sai che puoi srotolare il tuo tappetino e praticare con tranquillità e indisturbato.

Pratica tanto a lungo quanto senti giusto per te. Va bene anche solo 10 o 15 minuti o un’ora e più, questo dipende da te, ma se puoi, fallo tutti i giorni. Meglio poco, ma con costanza.

 

7. Posizioni yoga consigliate

I piegamenti in avanti sono tra gli asana favoriti durante la stagione estiva per le loro proprietà calmantiPrediligi in particolare le posizioni a terra, come  Pashimottanasana e Janushirasana, per le loro proprietà rinfrescanti. Sempre tra le posizioni yoga consigliate troviamo le torsioni, come Ardha Matsyendrasana e Jathara Parivartanansana ottime per le loro qualità disintossicanti e purificanti e le capovolte, come Halasana per rigenerare mente e cervello e favorire l’interiorizzazione ed elevazione della consapevolezza.

 

8.Posizioni yoga sconsigliate

In estate meglio contenere tutte quelle posizioni troppo attivanti e ricaricanti, specialmente i piegamenti indietro come Dhanurasana, Bhujangasana, Ustrasana, tutti gli asana che lavorano sulla forza e sulla cintura addominale come Navasana o Vasishtasana. In generale cerca di evitare di eseguire troppe posizioni in piedi, specialmente quelle che favoriscono l’aumento del calore come, per esempio, Virabhadrasana 1 o Trikonasana.

 

9. Pranayama per l’estate

Con il caldo è meglio indirizzarsi verso esercizi di respirazione che aiutino a mantenere la mente calma e il sistema nervoso fresco, come la respirazione rinfrescante anche conosciuta come Sitali Pranayama o in alternativa Sitkari pranayama. Oppure puoi scegliere la respirazione a narici alterne, (Nadi Shodanam Pranayama) per le sue qualità riequilibranti, in più è perfetta per preparasi ad una pratica meditativa.

 

10. Costruisci una sequenza yoga equilibrata.

Quando costruisci la tua sequenza yoga cerca di trovare il giusto equilibrio tra le posizioni. Questo vuol dire che anche se è estate puoi comunque decidere di iniziare con un lento saluto al sole e/o con posizioni in piedi di equilibro e di inserire nella tua sequenza anche alcune estensioni. Anzi! Secondo l’Ananda Yoga, per esempio, è consigliabile dopo ogni piegamento avanti eseguire un piegamento indietro, in questo caso però mantieni l’arco per poco tempo o usalo  solo come contro-posizione. Mantieni invece più a lungo le posizioni di flessione, che stimolando il sistema nervoso parasimpatico ti condurranno naturalmente verso una sensazione di calma, rilassamento e freschezza.

Sii maestro di te stesso, perciò ascoltati e fai solo quello che senti giusto per te; sii sempre sincero, perciò evita di fare sia troppo che troppo poco 😉  

Inizia sempre la tua sequenza con una centratura. Bastano anche pochi minuti in silenzio con gli occhi chiusi in una posizione comoda seduta (sukhasana). Porta la tua attenzione al respiro, in questo modo comincerai a ritirare i tuoi sensi e la tua concentrazione all’interno e a calmare la tua mente.

Puoi inserire gli esercizi di respirazione all’inizio della tua sequenza, come centratura, o alla fine della tua pratica prima della meditazione. Se hai scelto di cominciare con un piccolo riscaldamento, con il saluto al sole o con gli asana in piedi, puoi fare pranayama subito dopo, per ritrovare il giusto equilibrio e la giusta freschezza prima delle posizioni yoga sedute.

Termina sempre la tua pratica con un rilassamento profondo in Savasana, la posizione sdraiata a terra sulla schiena, 10 minuti sono l’ideale per lasciar sedimentare gli effetti benefici di tutta la pratica, e qualche minuto di meditazione in silenzio per trovare l’allineamento interiore con la tua Atma (anima).

 

Ora hai tutti i suggerimenti necessari per creare la tua sequenza yoga per l’estate. Ricorda comunque che se sei alle prime armi o non ami la pratica “fai da te” puoi sempre cercare il centro yoga più vicino al luogo in cui trascorrerai le vacanze e lasciarti guidare da insegnati esperti 😉

Pensi che questi consigli siano stati utili? Allora condividili con i tuoi amici e facci sapere come è andata per te!

Buona estate! 🏖☀️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *